Arnold Ehret, Digiuno razionale

Ogni fase dello sviluppo della scienza medica, comprese quelle che risalgono all’inizio della civiltà, intende allo stesso modo la natura causale delle malattie, quella che tutte hanno in comune, ossia il fatto che le malattie entrino nel corpo umano tramite cause esterne, e di conseguenza, seguendo una legge necessaria o quantomeno inevitabile, disturbino l’esistenza del […]

La linea d’ombra, Joseph Conrad

Solo i giovani hanno momenti simili. Non penso ai giovanissimi. No, i giovanissimi, propriamente parlando, non hanno momenti. È privilegio della prima giovinezza vivere in anticipo sui propri giorni, in tutta la bella continuità di speranze che non conosce pause o introspezioni. Si chiude dietro di noi il cancelletto della pura fanciullezza – e ci […]

Fine, di Fernanda Torres

    Non mi è rimasto un amico vivo, Ribeiro era l’ultimo. Ero sicuro che mi avrebbe seppellito lui, andava a correre, nuotava, a quarant’anni aveva smesso di fumare e si rifiutava di fare cilecca. Secondo sua sorella è stata colpa del Viagra. Ribeiro si faceva un sacco di donne, era molto importante per lui. […]

Dorothy Baker, La leggenda del trombettista bianco

La verità – e chiunque l’abbia conosciuto vi dirà la stessa cosa – è che a scuola non era molto brillante: non riusciva mai a ricordarsi, per dire, quanto faceva sette per sette. Non sapeva neanche indicare sulla cartina il punto in cui nasce il Nilo, e ignorava in che direzione scorra e quali terre […]

Casino Royale, Ian Fleming

Fumo, sudore: alle tre del mattino l’odore di un casinò dove si gioca forte è nauseante. Sarà l’odore, o il fumo, o il sudore. Di fatto, il logorio interiore tipico dell’azzardo – un misto di avidità, paura e tensione – diventa intollerabile. I sensi si risvegliano e si torcono per il disgusto. All’improvviso James Bond […]

La zattera non è la riva

Berrigan: Il concetto del ricordo mi ha sempre affascinato. Raramente la gente pensa alla memoria come a un potere creativo, che riunisce diverse percezioni del tempo e ci impedisce di vagare semplicemente qua e là facendo eco ad altre persone ed eventi. Come farebbe un chirurgo, noi «ri-membriamo» un arto amputato, un corpo o un […]

Le avventure di Gordon Pym, per iniziare

Or son pochi mesi, al mio ritorno negli Stati Uniti, dopo la straordinaria serie di avventure nei mari del Sud e altrove, di cui si offre una narrazione nelle pagine seguenti, il caso mi pose in contatto con parecchi gentiluomini di Richmond, nella Virginia, i quali manifestarono un profondo interesse per tutto ciò che si […]

Percorsi nella letteratura spagnola

Testo 1: Miguel de Unamuno, La zia Tula Il corpo della zia Tula era agli estremi. La sua anima si agitava in esso come un uccellino in una gabbia sgangherata dalla quale fugge, e pur soffrendo di dover pagare dolorosamente la sua libertà, brama di volare oltre le nubi. Non sarebbe arrivata in tempo per vedere […]

Luis Martín Santos, Tempo di silenzio

La traduzione del brano della lezione 9 (corso spagnolo). Buon confronto! Era sempre un po’ su di giri, in quanto al bere, e non c’era modo di tenerlo a freno, sempre al circolo, sempre col gomito alzato più del dovuto, sempre smanioso di far sfoggio della sua baldanza e del suo garbo e delle sue […]

La casa degli spiriti, di Isabel Allende

Ecco una possibile traduzione dallo spagnolo del brano della lezione 8! Buon confronto! Erano tempi difficili. Io avevo allora quasi venticinque anni, eppure mi sembrava di avere poco tempo davanti a me per costruirmi un futuro e avere la posizione cui ambivo. Lavoravo come una bestia e le poche volte che mi sedevo a riposare, […]