Il bluff, di Jules Verne

Un uomo di media statura, con una testa enorme, ornato da due cespugli ardenti di baffi rossi, vestito con un lungo redingote a doppio collo, con un cappello da gaucho a tesa larga, arrivò a corto di fiato sulla banchina, quando il ponte mobile era appena stato ritirato. Gesticolava, si dimenava, gridava, senza preoccuparsi delle risate […]

Ian McEwan, L’amore fatale. Esercitazione finale dall’inglese

L’inizio è facile da individuare. Eravamo al sole, vicino a un cerro che ci proteggeva in parte da forti raffiche di vento. Io stavo inginocchiato sull’erba con un cavatappi in mano, e Clarissa mi porgeva la bottiglia – un Daumas Gassac del 1987. L’istante fu quello, quella la bandierina sulla mappa del tempo: tesi la […]