Irlanda, Lonely Planet

Le prime tracce di insediamenti urbani nella zona in cui sorge l’odierna Dublino risalgono al 500 a.C., quando un gruppo di celti si stabilì nei pressi di un guado del Liffey, dal quale deriva l’impronunciabile nome gaelico della città, Baile Átha Cliath (Città del Guado dei Graticci). I celti vissero in questa zona per circa un millennio, ma Dublino divenne un vero centro urbano solo con l’arrivo dei vichinghi. Nel corso del IX secolo Dublino fu devastata da numerose incursioni di popoli provenienti dal nord, alcuni dei quali alla fine decisero di stabilirsi in queste terre, invece di limitarsi a saccheggiarle e a ripartire. I nuovi venuti si mescolarono con la popolazione locale e costruirono un fiorente porto commerciale nel punto in cui il River Poddle confluiva nel Liffey, formando un dubh linn (laghetto nero). Oggi non è rimasto molto del River Poddle, che è stato incanalato nel sottosuolo e scorre sotto la St Patrick’s Cathedral, per ricongiungersi con il Liffey in prossimità del Capel St Bridge, conosciuto anche con il nome di Grattan Bridge.

I secoli successivi videro l’arrivo dei normanni, verificatosi nel corso del XII secolo, e il lento processo di sottomissione dell’Irlanda al dominio anglo-normanno (poi britannico), un periodo nel quale Dublino rivestì un ruolo di primo piano. In questo periodo le autorità avviarono un processo di sviluppo di Dublino e si impegnarono a trasformare quella che di fatto era una città arretrata e per molti aspetti quasi medievale in una moderna metropoli anglo-irlandese. Le strade vennero ampliate, si progettarono splendide piazze e furono costruite nuove townhouse in uno stile proto-palladiano, che nel giro di pochi anni assunse il nome di stile georgiano, con riferimento ai sovrani di nome Giorgio che si succedettero sul trono inglese. Per molti anni Dublino fu la seconda città dell’impero britannico, una condizione che però non migliorò l’esistenza degli strati più poveri della popolazione – soprattutto di fede cattolica – che vivevano ammassati nei sempre più vasti bassifondi della capitale.

Lo sviluppo georgiano della città subì una brusca battuta d’arresto con l’Act of Union (1801), che sancì l’unione formale dell’Irlanda alla Gran Bretagna e portò alla chiusura del parlamento irlandese. Dublino scivolò rapidamente in un grave stato di instabilità economica e sociale.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: