David Martinez, Zara

zara-ferrrrara

I principali tratti distintivi di Ortega sono i più di 7.000 punti vendita aperti dal gruppo tessile Inditex, presente in 88 paesi, e i suoi quasi 153.000 impiegati. Oltre a Zara, il gruppo possiede altri brand: Pull&Bear, Massimo Dutti, Bershka, Stradivarius, Oysho, Zara Home e Uterqüe.

La multinazionale tessile comprende anche un centinaio di società vincolate alle diverse attività, che formano il commercio del design, la fabbricazione e la distribuzione tessile. Inditex ha avuto un utile netto di 2.875 milioni di euro nel suo ultimo esercizio fiscale fino a marzo 2016, un nuovo record e un 15% in più rispetto all’anno precedente, mentre le sue vendite hanno superato per la prima volta i 20.000 milioni con una crescita del 15,4%, arrivando a 20.900 milioni.

L’attuale presidente e consigliere delegato del gruppo, Pablo Isla, ha guadagnato 12,7 milioni di euro in denaro liquido, il che suppone un aumento del 53,4%. Il risultato operativo lordo (ebitda) è risalito rapidamente al 15%, fino a 4.699 milioni, e nel 2015 ha creato 15.800 posti di lavoro, dei quali 4.120 in Spagna, e ha chiuso il bilancio d’esercizio con un organico totale di 152.854 impiegati. Con queste cifre, Inditex supera il suo diretto rivale nella conquista del centro della moda mondiale, H&M, le cui vendite hanno sfiorato i 19.500 milioni, con un utile di 2.250 milioni.

Amancio Ortega, col 59,294% delle azioni, si intascherà circa 1.108 milioni nel 2016 in termini di dividendo, contro i 961 milioni del bilancio precedente. In aprile gli impiegati del gruppo riceveranno un bonus di 37.4 milioni come compenso per il loro contributo alla crescita dell’impresa.

Il gruppo Inditex ha chiuso l’ultimo bilancio stabilendosi in 88 mercati attraverso 7.013 negozi, dopo aver contabilizzato 330 aperture nette (inaugurazioni meno chiusure). Per quest’anno, prevede di investire 1.500 milioni e si è posto come obiettivo di contabilizzare fra le 400 e le 460 aperture lorde e assorbire tra i 100 e i 120 piccoli negozi, seguendo la sua strategia per ottimizzare la propria rete commerciale.

(Traduzione di Serena Rossi)

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: