Mac e Apple in traduzione

macLa casa è una cosa. L’ufficio è un’altra. L’industria dei computer è ora nella situazione di vedere una replica dello scontro tra Apple e IBM. Solo che questa volta i risultati molto probabilmente saranno differenti perché Apple sta giocando sul territorio di IBM. Apple sta cercando di spostarsi nel vuoto lasciato dal ritiro di Digital Equipment Corp nel settore degli uffici.

John Sculley e la sua ciurma Macintosh stanno spendendo 200 milioni di dollari l’anno in una grande campagna pubblicitaria per cercare di conquistare la posizione n. 2 nei computer da ufficio.

Ma Apple ha una debolezza determinante. Apple è un computer per la casa, non per l’ufficio.

Sculley è intelligente. Noterete che le sue pubblicità di Macintosh non usano quasi mai il nome Apple. Sa che deve posizionare i Macintosh da ufficio lontani dalla posizione casalinga di Apple.

Sfortunatamente, la pubblicità continua a collegare Macintosh con Apple. Questo è il verme nella mela Macintosh di Sculley.

Steve Wozniak, co-fondatore di Apple, diede le dimissioni per questa questione. «La direzione di Apple è stata tremendamente sbagliata per cinque anni» ha detto.

Woz ha accusato inoltre la direzione di Apple di rifiutarsi di finanziare lo sviluppo tecnico del pc Apple II.

Pensiamo che Mr. Wozniak abbia ragione. Apple dovrebbe concentrarsi sui pc da casa e per piccole imprese.

[…]

Come predetto, Macintosh non fece mai molti progressi nel mercato per gli uffici. Secondo la rivista Fortune (9 novembre 1987), «Un assalto frontale tre anni fa fallì, quindi l’azienda iniziò a spingere Macintosh dalle porte di servizio dell’azienda». Anche questo piano fallì, facendo perdere il lavoro a John Sculley. Oggi, Apple possiede solo il 3% del mercato mondiale dei personal computer. Oltre ai mercati di casa e delle piccole imprese, un’altra possibilità per il marchio Macintosh avrebbe potuto essere la grafica. Se Apple avesse comprato PowerPoint (cosa che Macintosh fece per 14 milioni di dollari), la combinazione tra Macintosh e PowerPoint avrebbe potuto ottenere una quota consistente del mercato delle imprese. In ogni caso, la miglior strategia per un concorrente è di attaccare su un fronte stretto.

(Traduzione di Elisa Ponassi)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: