Harold J. Morowitz, La nascita di ogni cosa

gorilla-1031235_960_720I primati hanno fatto la loro comparsa circa 70 milioni di anni fa e discendono dagli insettivori arboricoli. Hanno avuto un successo straordinario, diversificandosi in numerosissime specie, fra cui alcune molto interessanti da analizzare. Essi hanno mantenuto lo stesso schema strutturale di base, dal microcebus di appena 100 grammi al gorilla maschio che pesa 200 chili. I primati abitano quasi tutta la fascia tropicale del pianeta e gran parte di quella temperata.

I progenitori dei primati erano probabilmente simili alle moderne tupaie (ordine degli scandentia, famiglia dei tupaidi). Assomigliavano vagamente agli scoiattoli e misuravano mezzo metro dal naso alla coda. Avevano una grossa scatola cranica e cinque dita munite di lunghi artigli. In termini evolutivi, possono essere considerati l’anello di congiunzione fra toporagni e primati.

Le tendenze evolutive dei caratteri che definiscono i primati sono: mani articolate e dita con unghie al posto di artigli, elaborazione della corteccia cerebrale, muso più corto. La maturità sessuale viene raggiunta più tardi e la vita si allunga.

Dopo la comparsa dei primi primati, nel giro di qualche milione di anni, si verificò una fondamentale separazione fra lemuridi da una parte e tarsidi e simiiformi dall’altra. L’evoluzione dei primati è stata in gran parte determinata dalla risposta ai cambiamenti ambientali. Tali cambiamenti sono dovuti alla tettonica a placche e alla scissione del supercontinente in un gruppo di continenti e isole più piccoli. Ancora una volta un’emergenza biologica si è sviluppata a partire da eventi geologici.

Tarsidi e simiiformi si differenziarono circa 55 milioni di anni fa. La separazione tettonica del Sudamerica dal resto della Pangea diede origine allo sviluppo di taxa distinti di simiiformi nel Vecchio e nel Nuovo Mondo. Il gruppo del Vecchio Mondo è chiamato anche dei catarrini, per via delle narici rivolte verso il basso. Ne fanno parte le scimmie del Vecchio Mondo, le scimmie antropomorfe e gli esseri umani. È realistico supporre che le scimmie abbiano preceduto le grandi scimmie antropomorfe, la cui diramazione è avvenuta al massimo 35 milioni di anni fa.

(Traduzione di Thais Siciliano, Luisa Anzolin e Vincenzo Perna)

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: