Traduzione brano da “Una razza maledetta” di Elizabeth Gaskell (lezione 8)

Questo brano è tratto da un testo del diciannovesimo secolo (1855), bisognava perciò dare in qualche modo conto della storicità dell’opera con un registro adeguato, espressioni come “a tal fine”, l’inversione mantenuta nella prima frase “Nei secoli quattordicesimo…” e molti altri accorgimenti.

Si è scelto di mantenere gli anni in lettere (milleseicento) e di tenere conto dei procedimenti stilistici dell’autrice, per rimanere fedeli alle sue intenzioni e al piglio ironico del brano.

Quando fu pubblicato sulla rivista di Dickens Household Words, questo saggio aveva uno scopo divulgativo. La scorrevolezza del testo non deve essere perciò trascurata. 

Si tratta inoltre di un consapevole miscuglio tra fatti storici, aneddoti e leggende. L’articolazione sintattica è funzionale ai contenuti e non va modificata. 

Immagine

Nei secoli quattordicesimo, quindicesimo e sedicesimo uccidere un Cagot era considerato un reato al pari dell’eliminare fastidiosi parassiti. Un “vespaio di Cagots”, come riporta l’antica testimonianza, si radunò in un castello abbandonato di Mauvezin, intorno al milleseicento; e, di certo, non si resero vicini di casa molto piacevoli, dato che sembravano godersi la loro reputazione di maghi, e, grazie ad alcuni misteri acustici a loro noti, si udivano nei boschi vicini lamenti e gemiti, tanti da spaventare il buon popolo della razza pura; che non riusciva a tagliare un ramo secco per il focolare, che subito un suono sovrumano sembrava riempire l’aria, né a bere acqua che non fosse avvelenata, perché i Cagots continuavano a riempire le loro brocche allo stesso corso d’acqua. In aggiunta a queste lamentele, nel quartiere si ripetevano in continuazione diversi furtarelli facendo credere agli abitanti delle città e dei borghi adiacenti di avere una ragione sufficiente per desiderare di uccidere tutti i Cagots del Castello di Mauvezin. Ma era circondato da un fossato, e accessibile soltanto da un ponte levatoio; oltre il quale, i Cagots erano feroci e vigili. Qualcuno, però, propose di accaparrarsi la loro fiducia; e a tal fine fece finta di sentirsi male nelle vicinanze del varco, in modo che tornando alla loro roccaforte lo vedessero e lo prendessero con loro, lo guarissero e diventasse loro amico. Un giorno, quando tutti erano a giocare a birilli nei boschi, l’amico traditore lasciò il raduno con la scusa di essere assetato e tornò al castello, sollevando il ponte dopo essere passato su di esso, troncando così ogni loro possibilità di fuga e di salvezza. Poi, salendo alla parte più alta del castello, suonò il corno, e la razza pura, che era in agguato, in attesa del segnale, si riversò sui Cagots intenti ai giochi, e li uccise tutti. Per questo massacro non trovo sentenza al Parlamento di Tolosa, o altrove.

(traduzione di Rossella Monaco)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: